È giunta l'ora: Navigare necesse est

  • Dopo tanti anni di navigazioni brevi o meno brevi, ma costituite di giorni rubati al lavoro e alla vita quotidiana, è giunta l'ora di salpare senza più il ricatto del calendario.
  • Non so davvero se parliamo di un giorno, un mese, un anno ... tutto il resto della vita, ma è davvero arrivato il momento di levare gli ormeggi senza una data di ritorno.
  • Probabilmente si starà in primavera-estate in mare e autunno-inverno a terra, ma non necessariamente e, poi, in quale mare? In quale terra? Non necessariamente questi che ci sono consueti, ma anche sì.
  • L'importante è che non ci sia più un obbligo; che non ci sia una costrizione mentale, (quella del fisico, dovuta alle sempre minori capacità del corpo, ovviamente lo sappiamo che c'è). Ma la scelta dev'essere solo scelta, non imposizione.

Conosci Moma

Dati costruttivi, Caratteristiche, Dotazioni, Storia della barca, foto: Moma è un piccolo cutter di 27 piedi, un Moana 27, per l’esattezza.Un progetto piuttosto noto fra chi si interessa di vela d’altura, perché, malgrado le ridotte dimensioni, è stato pensato da

Leggi tutto

Diario di Bordo - il blog di Moma

  • Un po’ di consuntivo.
    Avevamo previsto di passare questo sabato a fare lavoretti e rientrare a Bologna domani, ma non siamo riusciti ad acquistare biglietti per domenica e buona parte del sabato (tutto esaurito), l’unica possibilità accettabile (salvo farsi viaggi di 10 – 16 ore con cambi e orari di arrivo improponibili) è stato partire oggi alle 12,01 da
  • Stop a Cetraro
    Ancora una giornata calda e senza vento. Verso le 10, leviamo l’ancora e ci dirigiamo verso Cetraro senza forzare sul motore, cosa che ci premia con una ridottissima fuoriuscita d’olio. Al Marina del porto di Cetraro, accetteranno di tenere la barca per tutto il mese (ci dicono per telefono), anche se normalmente il transito è
  • Scalea – Isola di Dino
    Alle 10, dopo aver fatto un po’ di spesa in paese e ripulito e rabboccato l’olio, siamo partiti alla volta di Scalea o, meglio, dello scoglio “Isola di Dino”,  che sta qualche miglio più a Nord. Alle 18 abbiamo dato fondo in 6 metri d’acqua, nella baietta a Sud-Est, fra l’isolotto e la terra ferma
  • Palinuro
    Dopo colazione, raccolgo l’olio fuoriuscito dal giorno prima e con Walter ragioniamo della perdita, diamo un’occhiata ai manuali e al motore e decidiamo di aprire una seconda presa a mare (che dovrebbe raffreddare la cuffia sull’asse dell’elica, ma che non era indicata come da aprire nelle istruzioni lasciate dal primo proprietario. Gocciola parecchio, dovremo tenerne
  • Agropoli
    Alle 6,35 della mattina sono già in coda per il carburante alla Marina di Cassano. Malgrado abbia detto all’addetto al distributore che nel serbatoio avrebbero dovuto starci 30-40 litri max di gasolio, quando scendo a guardare il livello scopro che non si è fermato a quella quantità, ma ha tirato avanti fino a riempirlo all’orlo.

Cultura nautica e di mare

La cultura non guasta mai, si dice, allora raccolgo qui un po' di materiali di vario genere, reperibili in rete e non, che possono interessare

Leggi tutto